Home
Videos uploaded by user “BetterSoftware”
Team Agile vs Budget Fisso
 
28:48
L'obiettivo del talk oltre a condividere la nostra esperienza, è quello di mostrare come con una disciplina fedele alle best practices e un team che comunica in modo efficace è possibile affrontare meglio anche progetti a budget fisso. Condividendo gli insegnamenti emersi da una retrospettiva dove abbiamo analizzato l'esito di un anno di progetti eterogenei (siti web, applicazioni mobile) con contratti a budget fisso, mostreremo quali sono state le azioni e gli errori che hanno portato al successo o insuccesso confrontandoli con il manifesto Agile e le pratiche XP e SCRUM.
Views: 226 BetterSoftware
Mille e Uno modi per trovare lavoro ... - Luca Panzarella
 
58:32
Stai cercando lavoro? Bene. Stai mandando curriculum? Male. Trovare lavoro è un lavoro. E nessuno ti insegna a farlo al meglio. Dieci anni di freelancing, agency e startup a Roma, Milano e Londra e centinaia di progetti possono generare un esaurimento nervoso o, in alternativa, un seminario come questo. Luca Panzarella è un creativo, si occupa di design e tra i suoi tanti progetti ha pubblicato la guida Vivere Freelance. Si parlerà del mercato del web in Italia; quanto guadagna oggi un freelance e quali sono le alternative. 1001 modi per sfruttare al meglio la propria comunicazione e i canali sul web per arrivare alla persona che assegnerà il tuo prossimo progetto. Perché tutto parte dal cambiamento di sé stessi e della direzione che si vuole prendere. Alcuni di questi modi sono informali o apparentemente non c'entrano nulla col farsi assumere. Ma l'obiettivo alla fine è uno solo: portare la pagnotta a casa con in mano l'offerta migliore del momento. Destinato a tutti i freelance e cercatori di lavoro dell'ultim'ora.
Views: 1200 BetterSoftware
Kanban unbounded - Alberto Brandolini
 
50:15
Cosa succede quando agile/lean/Kanban comincia a mettere il naso fuori dal team di sviluppo? Possiamo ancora parlare di team di sviluppo come di un'entità a se stante, magari in trincea rispetto alle strategie aziendali o abbiamo qualcosa di interessante da mettere sul piatto anche dal punto di vista delle strategie?
Views: 548 BetterSoftware
Giuseppe Carrella - La fatica quotidiana del cambiamento: "Cosa diventano le cose"
 
31:04
Quando arriva il cambiamento? a mezzanotte quando si dorme? Qual è il motore? Come si fa a mantenere la motivazione quando tutto e tutti quelli attorno a te sono un ostacolo? Come si fa a mantenere alta la concentrazione quando il mondo va da un'altra parte? E le sconfitte? Cosa devi rinunciare? Ma ne vale la pena di questo sforzo di vivere costantemente su una frontiera? Che ruolo ha la creatività? siamo sicuri che il motore del cambiamento sia la creatività? Come cambia la leadership; qual è il ruolo dei "secondi", quelli che nessuno vede mai e che trascinano le Aziende?
Views: 978 BetterSoftware
Business intelligence  - Fabio Castronuovo
 
24:24
Il talk spiega in maniera semplice e chiara quali sono i vantaggi di introdurre in azienda o in un progetto tematiche come il data-marketing e la business intelligence. La presentazione verte sulla possibilità di utilizzare i dati che già ci sono online per fare analisi di competitor e posizionamento e fare mashup di dati esterni (es: social e web) ed interni all'azienda (es: trouble ticket o crm) per avere una più chiara idea di quali sono le tematiche da sviluppare in ambito: - CRM - Sales - HR - Marketing Non discuteremo di quali strumenti usare, ma solo del perchè farlo.
Views: 1477 BetterSoftware
Non mi rompete ... - Luca Mascaro
 
50:17
Tutti puntiamo a creare prodotti e servizi che appassionano e ingaggiano le persone, quando però nella realtà quotidiana tutti noi scegliamo prodotti e servizi che ci sembrano i meno peggio, che non ci creano problemi o disturbi. La nostra esperienza pregressa e quella percepita guidano il nostro comportamento come utilizzatori e consumatori, in un mondo in cui l'offerta abbonda e cerca fastidiosamente di catturare il poco tempo libero che abbiamo. In questo talk proviamo ad entrare per qualche momento nella prospettiva dell'utilizzatore, come ogni buon designer o product manager dovrebbe fare.
Views: 538 BetterSoftware
Lean enterprise in Italia, si può! - Luconi, Verzera, Trucchia
 
45:33
Vuole il Lean Thinking che un'organizzazione debba saper pensare strategicamente ben oltre i suoi confini strutturali, considerandosi parte di una catena di valore estesa. Oltre la singola azienda, deve esistere un'intesa forte per gestire l'intero flusso di valore, settando obiettivi di miglioramento comuni e criteri condivisi di divisione di sforzi e guadagni. Questo insieme integrato di organizzazioni che lavorano insieme senza sforzo nè sprechi è detto Lean Enterprise. Sta già succedendo, qui e ora. Vediamo come.
Views: 244 BetterSoftware
Don't make me think. There's no need. - Stefano Maraspin
 
28:11
Una decina d'anni or sono Steve Krug pubblicò un famoso libro il cui titolo diceva "Non farmi pensare". Sosteneva che l'aspetto più importante dal punto di vista dell'usabilità per un'applicazione o un sito web fosse l'immediatezza dell'interfaccia. Ciò mi ha fatto sorgere un dubbio: "ma se gli utenti non devono pensare, vuol dire che il loro comportamento sarà irrazionale e impredicibile?". Ho così cominciato un percorso di ricerca sulle motivazioni che spingono l'utente ad intraprendere un'azione piuttosto che ad astenersi dalla stessa. In questo talk condivido quanto ho avuto modo di imparare attraverso fonti classiche e scientifiche, ma soprattutto nei progetti software sui quali lavoro ogni giorno. Se vuoi capire quali sono le dinamiche che condizionano gli utenti nelle loro scelte, sono certo che troverai il talk interessante.
Views: 328 BetterSoftware
Matteo Collina - How we will execute an Internet of Things project in 5 years, or now?
 
01:02:24
The Internet of Things changes everything, the standard-driven, safe environment of the web is replaced by a world of bad connectivity, circuit board, cloud computing and big data. How can we tackle those projects? How to plug together all those pieces to solve real-world problems with an integrated HW-SW approach? In this talk we will answer all those questions, and we will showcase some devices you can easily build!
Views: 184 BetterSoftware
Qualità degli individui e gestione delle interazioni - Francesco Dominidiato
 
28:20
Scopri come con il giusto mindset manageriale, che considera i programmatori come attori protagonisti del processo decisionale, abbiamo migliorato la qualità del nostro software, in grado ora di gestire il cambiamento collaborativo e ridurre il time to market, sviluppando ad un ritmo sostenibile.
Views: 183 BetterSoftware
Berlingieri - La profilazione dell'utente, un bilanciamento tra consapevolezza e consenso
 
40:30
Il prezzo dei servizi gratuiti (tutti i social network e servizi annessi e Internet in generale in pratica) è la profilazione. Da un lato i risvolti sono mostruosi (è, per usare una metafora di Dave Winer, acconsentire a vivere in un appartamento con i muri di vetro a patto di non pagare l'affitto, il cibo e i vestiti) dall'altro in assenza di questa mostruosità non avremmo la web economy, cioè start up e venture capitalists e, in generale, investimenti per creare applicazioni. A prescindere da questioni morali (la web economy è ancora orientata soprattutto verso le frivolezze e il superfluo, pensiamo alle quotazioni e acquisizioni di Linkedin, Instagram o Facebook) la vera chiave di tutto è un problema in questo momento irrisolvibile e, cioè, la differenza tra consapevolezza e consenso. Gli utenti che accettano condizioni di privacy e termini d'uso così come cookies e accesso alle proprie identità tramite API non hanno il minimo interesse a capire cosa stiano facendo. il funzionamento di Internet è diventato come la matematica: roba da nerd. Nonostante, quindi, l'unica forma di controllo che l'utente ha sui propri dati è rifiutare l'uso di una applicazione non accettando i termini d'uso o rifiutando un cookie o navigare con diversi browser sono pochissimi quelli che si rendono conto e adottano comportamenti precauzionali. Ed è vero anche che navigare senza accettare cookies è talmente frustrante da non potere essere considerato una vera alternativa. Il risultato di una disattenzione dei problemi di privacy da parte degli utenti sta diventando una accettazione di quelli che noi chiamiamo "problemi", anzi: la mancanza di aspettativa in materia di controllo dei propri dati non è un bug, è una caratteristica. Il cui effetto potrà ripercuotersi certamente sulle leggi (le quali finiscono per riconoscere prassi). Negli Stati Uniti ultimamente l'industria web ha iniziato un dibattito pubblico contro proposte di legge volte ad aumentare la tutela della privacy adeguandola al sistema europeo. La maggiore argomentazione contro queste leggi è che esse sono uno dei motivi per cui non esiste e non esisterà mai una Silicon Valley europea. I limiti all'utilizzazione dei dati degli utenti impediscono la creazione di applicazioni popolari e di successo. Si tratta, quindi, di due diverse forme di paternalismo a confronto. Quella americana che vede la lotta per la privacy come un campo di battaglia sbagliato poichè all'utente non interessa veramente come diritto dato che, in cambio, ha applicazioni che lo divertono e che può condividere con milioni di altri utenti. Quella europea che tenta, invece, di proteggere per vie legali (che si risolvono in termini contrattuali e adempimenti complessissimi spesso inefficaci) un utente non in grado di badare ai propri interessi. Si tratta di due visioni del mondo antipodiche figlie del loro tempo. Di una generazione in transito, cioè, che non ha ancora chiare le conseguenze a lungo termine delle scelte e delle politiche che le sottendono. In nessun caso l'utente disattento è tutelato. E la verità è che non è possibile tutelare l'inconsapevole. é possibile solamente implementare, a livello tecnico e - in via di principio anche legislativo - il grado di controllo realisticamente ottenibile da parte di un utente di una applicazione. Il diritto ad acconsentire preventivamente che qualcuno ci tagghi su Facebook dovrebbe accompagnarsi al diritto di sapere in anticipo che tipo di cookie è necessario per fruire del servizio.
Views: 137 BetterSoftware
Risks and Decisions. The When and Not the How - Olav Maassen
 
47:02
While HOW to make decisions is important, the WHEN to make decisions is critical to your chances of success. Olav Maassen presents Real Options, an approach he has been working on since 2006 with Chris Matts that focuses on the "When" rather than the "How" of decision making. Timing is everything, however deferring commitments causes stress to many people. Real options helps you manage that stress by creating bounded uncertainty in an context of total uncertainty. This is not a simple process that you copy and learn to adopt through practice. This is a new way at looking at the world around you that starts by learning to differentiate between options and commitments. Olav helps do this through an interactive exercise. It turns out that the way you manage your options is to focus on commitments and attempt to avoid or defer them. After identifying commitments, Olav discuss creating options to turn the commitments into reversible commitments. Olav and Chris have recently created "Commitment", the first graphic business novel about managing project risk. Because they eat their own dog food Real Options plays a big part in the creation part of the book as well. Olav presents the creation process as a case study about applying Real Options and how that leads to different behavior. Finally Olav presents a number of mini case studies where other people have applied Real Option thinking in "out of the box" situations. Once you get it, it will change your life.
Views: 295 BetterSoftware
Uno, nessuno, centomila ... progetti! - Gaetano Mazzanti
 
42:08
Vi occupate di un solo progetto? o di molti progetti in parallelo? lavorate a un prodotto legacy? oppure a un'idea di startup? non gestite progetti ma fornite servizi? oppure fornite supporto? scenari molto diversi e approcci molto diversi, giusto? non proprio. Uno, nessuno, centomila progetti? c'è in comune molto più di quanto si possa immaginare. E' solo o tutto un problema di flusso...
Views: 113 BetterSoftware
Dan North - Why Agile Doesn't Scale
 
01:03:49
Agile doesn't scale. There, I said it. Actually people have been telling me that for over ten years, and I've just refused to believe them, but they were right. Does that mean you can't deliver large-scale programmes using agile methods? Not at all. But to scale you need something else, something substantively different, something the Agile Manifesto and the existing team-scale agile methods don't even have an opinion about. I have seen a handful of successful large-scale deliveries across multiple agile teams, multiple locations and multiple programmes start to look uncomfortably like those of traditional programmes, and involve phrases like delivery assurance, governance and portfolio management. They just approach them differently. What made them work? The challenge is getting large numbers of people to think in the same direction. Shared guiding principles, a clear vision and a common understanding enable what I call contextual consistency. I believe this one lever is the single greatest enabler of technology delivery at scale, and is at the heart of the thing we call empowerment. In this talk I will explain why.
Views: 942 BetterSoftware
Armani - Liftoff - come lanciare team e progetti Agili
 
45:04
Come per mettere in orbita un razzo è importante effettuare molteplici operazioni preliminare che sono fondamentali per il successo della missione, così per lanciare un progetto o creare un team Agile è fondamentale una fase di 'Liftoff'. Questo talk, che parte dall'interessantissimo lavoro di Diana Larsen e Ainsley Nies intende combinare le pratiche della fase di Agile Inception portate avanti dall'autore sin dal 2001 con i più moderni principi derivanti da Lean StartUp.
Views: 95 BetterSoftware
Alberto Brandolini - Liberate il Kraken!
 
53:34
Krakens, basically. There's an uncontrolled power hidden in every company or organisation. For many reasons we aren't completely aware, people can't talk effectively about big problems, so they spend their energies on smaller problems, even if their are conflicting with higher level goals. But once you unlock the way to model problems and processes in a constructive way, then miracles and surprises happens. Managers start solving the right problems, and developers start delivering the right software.
Views: 408 BetterSoftware
Marco Calzolari - Lean Startup High School
 
17:50
Essere promossi dalla scuola all'imprenditoria? È l'obiettivo di un percorso di formazione pensato per gli studenti delle scuole superiori italiane. Attraverso lezioni, workshop e learning games, si possono introdurre gli studenti a pratiche di teamwork, sviluppo di idee, creazione di business model, validazione di ipotesi e agile development. L'esperienza nasce da una serie di attività svoltesi nell'ambito del progetto ParnASUS di ASUSTeK Italia tra marzo e maggio 2014, presso il Liceo Classico ""Maffei"" di Riva del Garda, in cui alcuni team di ragazzi di quarta superiore hanno realizzato progetti di mobile app da proporre a investitori.
Views: 137 BetterSoftware
Alex Martelli - Sviluppo di Software: Esperienze, Consigli ed Idee - Part 1
 
44:17
Molti progetti software si scontrano con problemi di management: le tradizionali tecniche di management non sono molto adatte a gestire i migliori sviluppatori. Questo intervento mostra quanto efficace e` avere, come manager, uno sviluppatore di competenze non inferiori al resto della squadra, in grado di usare se stesso come "risorsa tecnica d'emergenza" se occorre. Ci sono molte trappole e trabocchetti da evitare; l'intervento copre temi come: pianificazione e programmazione, gestione del tempo, metodologie e strumenti di lavoro, come costruire reciproca fiducia, imparare a delegare, quando "tirarsi indietro". I temi sono basati sulla condivisione delle esperienze e osservazioni dell'autore; poche teorie astratte, taglio invece decisamente pratico. L'intervento è orientato a un pubblico di sviluppatori e dirigenti con forte background tecnico, e fornisce suggerimenti e idee immediatamente applicabili...soprattutto per il *prossimo* progetto, visto che cambiare cavallo in corsa, in un progetto mal impostato, è molto più difficile che non fare le cose giuste fin dall'inizio!
Views: 196 BetterSoftware
Stefano Maraspin - L'interfaccia utente, il database e la fermata dell'autobus...
 
34:42
Quante volte capita di modellare un'interfaccia utente a partire dai campi di una tabella su DB? O di pensare al mobile come uno spazio, più piccolo, su cui riprodurre tutte le funzionalità di un sito o applicazione web? E soprattutto, cos'hanno in comune queste due domande? In questo talk porto le esperienze di alcuni progetti su cui ho lavorato negli ultimi due anni, in cui vincoli strutturali inesistenti, ma radicati nella mente del team di sviluppo (e non solo), rischiavano di dar luce a soluzioni poco efficaci, poco robuste, e onerose da mantenere. Farò emergere tali problematiche, sia dal punto di vista dell'esperienza utente, sia della progettazione software in senso stretto, individuando un principio causale, comune a entrambe. Concluderò l'intervento con qualche suggerimento per combattere la dipendenza da vincoli che spesso sono solo nella nostra testa. Oltre che chiarire cosa c'entra, in tutto ciò, la fermata dell'autobus.
Views: 175 BetterSoftware
Sulle spalle dei giganti - Luca Mearelli
 
28:44
È facile vedere come la maggior parte delle persone comuni (i geeks sono esclusi :) odiano imparare e usare troppi strumenti differenti, questo capita soprattutto quando guardiamo al mercato degli utenti business o degli utenti consumer - professionali. Far usare con successo agli utenti nuove applicazioni (gestionali in particolare) è spesso una sfida. Capita di frequente che le aziende investano in innovazione ottenendo in cambio un nuovo sistema informativo che gli utenti finali NON vogliono utilizzare perchè risulta troppo complicato e difficile da imparare. Quando questo accade il risultato è che si ritorna ad usare i vecchi strumenti, spesso affiancandoli ai nuovi sistemi che quindi falliscono gli obbiettivi per i quali erano stati implementati. Questi stessi utenti, riluttanti ad usare il nuovo sistema informativo, sono molto attivi online in particolare sui social network! Osservare i pattern usati dai servizi online più diffusi e prenderne ispirazione può essere un modo di ridurre l'impatto di una nuova applicazione e facilitare il lavoro degli utenti. Nel corso della presentazione vedremo alcuni pattern che gli utenti conoscono e usano in rete e che possiamo adottare nelle applicazioni business per trovare meccanismi di interazione che sono già conosciuti dagli utenti. Conoscere questi meccanismi di interazione e saper riconoscere quando un'applicazione li usa correttamente è interessante anche dal punto di vista del manager perché è importante avere strumenti per valutare la bontà di una soluzione che viene proposta, soprattutto quando si tratta di strumenti 'interni' e spesso il committente NON è l'utente finale.
Views: 51 BetterSoftware
Claudio Bergammini - Enterprise Culture e Agile: fallimento annunciato?
 
33:38
Le difficoltà di introduzione dello stile Agile nello sviluppo software Enterprise non è quasi mai frutto di stupide resistenze dal basso. Tutta la cultura Enterprise congiura contro l'Agile e porta a risultati mediocri, spesso pessimi. Sono forse HR, Organizzazione, Procurement, Controllo di Gestione, Project Management e pianificazione del Budget i veri nemici? Quali sono i cambi di cultura da far passare per permettere migliori performance allo sviluppo software nelle grosse aziende? Complessità, Servant Leadership, Beyond Budgeting possono essere gli accessori efficaci per intraprendere un percorso diverso? Scheda del talk su: http://www.bettersoftware.it/conference/talks/enterprise-culture-e-agile-fallimento-annunciato
Views: 219 BetterSoftware
Maurizio Mesenzani - Le competenze del Project Manager
 
41:33
La gestione di un progetto è un'attività complessa che richiede una combinazione ed integrazione di capacità cognitive, relazionali, comportamentali ed emotive. Gestire conflitti e negoziare risorse, impegni, scadenze e sequenze, attività, tempi e costi è una delle principali attività del Project Manager eccellente. Oltre alle caratteristiche individuali e alle capacità che possono essere sviluppate, il Project Manager può essere supportato da specifici strumenti metodologici quali le analisi SWOT (punti di forza e debolezza, rischi/minacce ed opportunità) e le tecniche di time management per gestire i tempi propri e delle persone impegnate sui progetti e i carichi di lavoro in modo da orientare priorità, urgenza ed importanza. Saranno inoltre presentate le principali tecniche di gestione delle riunioni (meeting management) vista la necessità di incontri strutturati: una cultura ed una pratica solida di time and meeting management contribuisce a limitare i rischi di conflittualità latenti e dichiarate nei progetti e contribuisce a rafforzare i livelli di motivazione, coesione e professionalità nei team di progetto, rafforzando le figure stesse di PM.
Views: 336 BetterSoftware
Brandolini - Fare pipì controvento: come danneggiare la vostra organizzazione
 
55:37
Ci sono pattern ricorrenti nel comportamento delle organizzazioni. Persone che prese singolarmente appaiono ragionevoli, diventano ingranaggi di spaventose macchine che producono incessantemente problemi per risolvere altri problemi. Non ci sono risposte semplici a questo problema. Anzi: la continua ricerca di risposte semplici a problemi complessi, molto spesso è IL problema. Smettiamo di fingere che la complessità non esista o che sia solo un problema altrui, ed iniziamo ad affrontare i veri problemi con gli strumenti adeguati.
Views: 177 BetterSoftware
Thank you for coding -  Hoang C. Huynh
 
23:39
Scrivere codice nuoce gravemente alla salute, ma è una di quelle dipendenze che ci piace e non riusciamo a smettere. Desideriamo tutti produrre software migliore, ma cosa significa "migliore"? Migliore in termini di UX o di KPI o qualità tecnica? Applichereste una attenzione diversa se la piú insignificante delle funzionalità che state progettando e implementando avesse la capacità di influenzare le abitudini di milioni di persone?
Views: 85 BetterSoftware
Nitti - Licensing, tra software proprietario e software libero
 
40:06
Nel mondo della proprietà intellettuale i contratti di licenza sono lo strumento più utilizzato. Spesso, in modo più o meno consapevole, sono utilizzati modelli. A volte non si tratta neppure di modelli italiani, ma di testi preparati all'estero, il cui adattamento richiede una profonda conoscenza delle regole dell'ordinamento nel quale il modello è nato e di quelle dell'ordinamento nel quale il contratto deve essere utilizzato. Il talk si propone di illustrare, con un linguaggio comprensibile a chi non abbia una formazione giuridica, i principi generali e le regole necessarie per comprendere un contratto di licenza di software.
Views: 45 BetterSoftware
Update Your Wetware - Culture shift in knowledge-based projects - Andrea Provaglio
 
57:41
Molti Project Manager si trovano oggi a gestire progetti la cui realizzazione si basa sulla conoscenza di chi ci lavora e non più sulle capacità della classica "forza lavoro" della rivoluzione industriale. Ciononostante, tantissimi progetti vengono gestiti con modalità che abbiamo ereditato da quel periodo storico, come le modalità di gestione, gli strumenti di pianificazione /gestione, e la cultura del gruppo di lavoro. Naturalmente, quello che funzionava bene per progetti e processi di tipo industriale, non si adatta tanto a chi lavora con la conoscenza, e le difficoltà che molti PM oggi incontrano nascono proprio dal non aver "aggiornato" l'approccio e la cultura della gestione di progetti. In questa presentazione vedremo quali sono i principali cambiamenti necessari per gestire progetti basati sulla conoscenza, come le strategie e le forme mentali per convivere con un alto livello di indeterminatezza. Vedremo anche perché l'attenzione, in progetti di questo tipo, si sposta dalla gestione degli individui alla gestione del team, che viene considerato sia entità sociale che unità base di lavoro, e quali sono gli skill richiesti al PM. Infine, vedremo alcuni approcci e tecniche che possono essere immediatamente applicati nella gestione di progetti di questo tipo.
Views: 103 BetterSoftware
Building software that matters - Francesco Degrassi
 
30:51
Le attività di sviluppo software in grandi aziende sono spesso rischiose ed irte di ostacoli a causa della molteplici complessità a livello organizzativo, umano e tecnologico. Al termine di una iniziativa di sviluppo per una grande azienda ICT italiana in cui abbiamo applicato con successo metodologie e pratiche agili con grande soddisfazione del cliente e del team di lavoro, abbiamo chiesto loro di raccontarci idee ed impressioni. In questa presentazione condividerò quanto appreso, in positivo ed in negativo, su come collaborare meglio con il cliente per: - instaurare un rapporto di fiducia reciproca; - ridurre gli sprechi e massimizzare il valore fornito; - garantire requisiti di sicurezza e governance a fronte di rilasci sempre più frequenti; - introdurre metodologie e pratiche agili comprovate (Lean, XP, Continuous Delivery) in ambienti che non le conoscono e ne diffidano. Il talk è rivolto a sviluppatori, manager e clienti di aziende di software.
Views: 58 BetterSoftware
Matteo Vaccari - Avviamento e crescita di un team XP
 
01:04:59
Mi interesso di Extreme Programming dal 2004. Nel febbraio 2006 ho formato il team XP "Orione" di cui sono tuttora il coach. Il ruolo del "coach" è molto diverso da quello del project manager o del team leader. Un coach si occupa di favorire la crescita e il raggiungimento delle potenzialità del team. Nel mio intervento vorrei raccontare, sulla base della mia esperienza, come può nascere, crescere e svilupparsi un team XP in azienda.
Views: 152 BetterSoftware
Scimmie noccioline framework - Sam Reghenzi
 
24:54
Imparare dal disastro: un'intera generazione di professionisti dello sviluppo software rovinata da una impropria interpretazione del riuso e della standardizzazione. Soggetti passati dai banchi di scuola alle scrivanie delle aziende diventano le inconsapevoli vittime di un sistema votato al ripetere i propri errori e dove si è vincenti solo se c'è condivisione nelle decisioni e valutazione dei feedback. Da attore e non da spettatore illustrerò come, se si danno da mangiare solo nocciline, si ottengono solo scimmie.
Views: 176 BetterSoftware
Francesco Cirillo - I Metodi Agili e l'aumento del ROI
 
42:42
Come migliorare la produttività dello sviluppo del software applicando XP/metodi agili? In questo talk Francesco Cirillo mostrerà i fattori da perseguire per raggiungere reali aumenti nel ROI aziendale attraverso i principi e i valori agili.
Views: 308 BetterSoftware
Emmanuele Somma - Bauhaus programming 21k : il software e la lezione dell'arte applicata
 
39:59
Se il software fosse arte impareremmo qualcosa dal mercato e dai moderni movimenti artistici? Le industrie creative sono quelle che hanno origine dalla creatività individuale, abilità e talento. Esse hanno un potenziale di creazione di ricchezza e posti di lavoro attraverso lo sviluppo della proprietà intellettuale. Le industrie creative includono pubblicità, film e video, architettura, musica, arte e mercati antiquari, spettacolo dal vivo, computer e videogame, editoria, artigianato, software, design, televisione e radio, moda. In questa definizione appare chiaro (quantomeno al Governo Inglese che l'ha scritta) che il software condivide «qualcosa» con l'arte, l'architettura e il design. In modo naive molti programmatori sono ben disposti a considerare il proprio lavoro, in una qualche forma, correlato con la produzione artistica e qualcuno, troppo pochi per la verità, hanno uno sviluppato senso estetico nella produzione del proprio codice ed un numero sempre maggiore di standard di codifica prescrivono norme di leggibilità, equilibrio e rappresentazione della forma del codice. In nessun altro campo tecnico poi esiste una così vasta manualistica che insegni "l'arte della..." (The Art of Computer Programming, The Art of Unix, The Art of Agile Development, The Art of ...). Se quindi tra arte e programmazione c'è qualcosa in comune, si può tracciare una qualche relazione tra i movimenti artistici moderni e la realizzazione del software? Si possono ritrovare in questo patrimonio spunti interessanti per la gestione economica dei progetti software? Con un approccio semi-serio si ripercorreranno le ragioni del successo e della crisi dei movimenti delle arti applicate, mettendo sotto la lente alcune delle idee portanti dei Manifesti artistici di Art Deco, Art Nuveau, Arts and Crafts, De Stijl, Bauhaus, Futurismo, Patafisica, Razionalismo Italiano, International Style per realizzare prodotti migliori, per gestire meglio i programmatori e per aggiungere un tocco estetico anche al più noioso processo di management del software.
Views: 242 BetterSoftware
Tommaso Grotto - Caccia al tesoro: tecniche di tutela del patrimonio digitale
 
22:31
Vi siete mai chiesti come si possa tutelare il vostro patrimonio digitale? Vi racconterò lo stato dell'arte sulle tecniche di tutela della proprietà intellettuale in ambito software, il panorama normativo e i più recenti provvedimenti. Verranno esaminate la tutela autoriale e brevettuale, le tecniche di contrasto della pirateria online, le modalità di risarcimento del danno, ecc. La presentazione avrà un taglio operativo: pregi, difetti e costi a portata di tablet. Consigli di valore per designer e sviluppatori freelance, ma allo stesso tempo per manager che intendono blindare i prodotti aziendali.
Views: 118 BetterSoftware
Stefano Fornari - Creare e far crescere un progetto Open Source
 
50:05
Creare un software open source è molto di più che rendere scaricabile del codice sorgente. E' creare e alimentare una comunità fatta di utenti prima che di sviluppatori, che assieme contribuiscono a far progredire il prodotto innescando un circolo virtuoso tra le esigenze della comunità e quelle di un'azienda commerciale. Questo è quello che cerca di fare Funambol e che verrà presentato in questo intervento da Stefano Fornari, CTO di Funambol e co-fondatore del progetto Funambol. Verranno trattai gli aspetti di creazione e gestione di una comunità opensource, con riferimento alle metodologie e tool di sviluppo adottati nell'esperienza ormai pluriennale di questo progetto.
Views: 43 BetterSoftware
Cosa manca ad un brief -  Marianna Cerato, Ilaria Mauric
 
59:28
Un progetto parte quasi sempre dalla stesura di un documento di specifiche chiamato brief. Il brief dovrebbe contenere tutte le informazioni relative all'azienda e al progetto: tempi, obiettivi prefissi, statistiche, idea, competitor... Dovrebbe facilitare le decisioni aziendali e le spiegazioni ai fornitori. È il frutto di diverse giornate o settimane di lavoro da parte degli uffici marketing e/o tecnici interni all'azienda, richiede diversi incontri con il management per approvazione/assegnazione del budget e altri incontri con i fornitori dei servizi, per spiegare il progetto e chiedere un preventivo di esecuzione. Ma avete mai provato a riprendere in mano il brief a progetto realizzato e a confrontare l'idea con il progetto finito? In questo talk smontiamo alcuni miti sul brief e proviamo a capire come CTO, CMO e partner/fornitori possano farlo diventare il vero step 1 del progetto. È possibile che le aziende coinvolte scrivano il brief insieme, partecipando all'analisi dell'idea e individuando le informazioni davvero utili? E se fosse il fornitore a guidarvi nella stesura delle soluzioni tecniche? Se già il brief mettesse l'utente al centro del processo?
Views: 113 BetterSoftware
Landini - Mobile Game Programming (e non solo) con Lua
 
39:58
Lua, da linguaggio utilizzato solo come scripting glue sta guadagnando spazio e diventando sempre più importante per la programmazione mobile. Corona e Moai sono dei tool per la creazione di applicazioni mobili cross-platform completamente Lua based e permettono di sviluppare un gioco per intero in questo interessante linguaggio. In questo talk approfondiremo, con esempi tratti da codice reale, le caratteristiche di Lua e le ragioni del suo recente successo.
Views: 198 BetterSoftware
Failure is not an option! - Alessandro Galetto
 
49:19
Failure is not an option! Gene Kranz, Apollo 13 NASA Flight Director Il fallimento, non solo economico, non è una opzione per le aziende. Strumenti con Lean e Agile rappresentano un modello che dobbiamo cercare di interpretare e applicare nella maniera più efficace per potere essere competivi nelle dinamiche dei mercati odierni. Nuovi modelli organizzativi e di business sono necessari per riuscire a superare non solo le difficoltà che viviamo ogni giorno ma anche quelle che verrano. Perchè le aziende sono fatte in un certo modo? Quale è l'origine di questi modelli e perché ci ostiniamo a sostenerli e a torturare chiunque vive in una azienda moderna? Walter Fontata scrisse: "L'azienda è quel luogo in cui degli adulti subiscono dei traumi infantili". Niente di più vero è stato scritto a riguardo delle organizzazioni moderne, che moderne, in fondo non lo sono. Questo intervento affronta, anche in maniera semiseria, lo status quo e, questa volta in maniera seria, offre una analisi di come sia possibile strutturare la propria azienda ed i propri modelli di business in un modo nuovo. "Why so serious?" ed in ultima analisi è necessario lavorare per divertirsi e divertirsi per lavorare.
Views: 159 BetterSoftware
Reportage Conferenza 2012
 
03:22
Ringraziamo tutti i partecipanti che hanno reso questa edizione speciale, gli speaker per il duro lavoro fatto nella progettazione di splendidi interventi e gli sponsor della conferenza, senza i quali l'evento non sarebbe stato lo stesso!
Views: 612 BetterSoftware
Francesco Improta - Atomic Design, un problema di aspettative
 
56:23
Per anni a noi web designers è stato richiesto di realizzare mockup. I nostri interlocutori si aspettavano di ricevere preview complete di siti e applicazioni. Un numero impressionante di pagine, di ore trascorse su Photoshop. Il contesto in cui operiamo oggi è più complesso rispetto al passato, frammentato tra vecchie e nuovi devices. Siamo nell'era post mockup. Progettiamo sistemi, non pagine. La metodologia di ""Atomic design"" consente la creazione di design systems efficaci, favorendo la coesione e la comunicazione tra clienti e fornitori.
Views: 79 BetterSoftware
Volpato - Visual design vs. Creatività
 
55:03
Oggi si parla molto di user experience design, e di quanto questo aspetto sia fondamentale per web, software e mobile app. Le startup inseguono i designer, perchè si rendono conto di quanto la progettazione dell'interfaccia possa determinare il successo del loro business. Mentre si parla molto dei processi di progettazione e user experience, di ux agile e di prototipazione, si parla ancora poco dell'aspetto di visual design, in molti casi affidato alla creatività e all'estro dei designer o dei grafici. Qual è l'apporto del visual design? Come contribuisce a creare valore in un progetto? La creatività è davvero la chiave di volta, oppure esistono dei criteri oggettivi per valutare la qualità di un visual design? Nel mio talk vorrei fornire una panoramica dell'argomento e fornire degli spunti di riflessione e degli strumenti ai designer per migliorare il proprio lavoro, e a project manager, startupper e sviluppatori per capire, valutare e guidare il lavoro di design del proprio prodotto.
Views: 16 BetterSoftware
Luconi - L’approccio agile ai contratti e la consegna di valore
 
26:13
Applicazione delle metologie agili, oltre che nelle pratiche organizzative interne, anche nella contrattazione con il cliente. Come un contratto agile aiuta a stabilire un rapporto *sano* con il cliente e chiude il cerchio con l'applicazione delle metodologie in fase di sviluppo e gestione progetto. Discussione su un caso pratico di un contratto agile che e-xtrategy ha utilizzato con un proprio cliente. Tutto con un unico grande obiettivo: la consegna di valore.
Views: 61 BetterSoftware
Chiariamoci le idee  - Andrea Bandera
 
25:07
Business "tradizionali" devono affrontare un significativo processo di cambiamento per ritrovare competitività cercando risposte alle necessità di "tagliare i costi", essere innovativi ed aumentare la soddisfazione dei clienti. Devono lavorare in modo rapido ed efficace sulle idee rivedendo a volte anche il proprio business model per aggiornarlo ad un contesto di mercato mutevole in cui è molto difficile fare previsioni sul lungo periodo. Ma questo si scontra con la cultura e la strutturazione che si sono consolidate negli anni che non risultano adeguate ad affrontare percorsi molto incerti in cui le scelte su come procedere hanno valore solo se basate sulla conoscenza che nasce dai risultati ottenuti strada facendo. Ma c'è un approccio da cui prendere ampi spunti che elabora idee in continuazione: il lean thinking. La mia esperienza diretta racconta come applicando questi principi si possano acquisire competenze, metodologie ed affrontare i temi organizzativi necessari ad ottenere gli obiettivi prefissati.
Views: 277 BetterSoftware
Mearelli - Beautiful Data(Driven) Visualizations with Javascript
 
56:10
Data visualizations let us turn raw data into relevant information and make it easier to extract meaning from the information and to reason about it. In the talk we'll look at a few examples of powerful javascript libraries that can be used to load, manipulate data in the browser and turn it into beautiful visualizations, easily accessible on the web. A key method when analyzing huge amounts of data to understand some phenomenon is to create a visual representation of the data we have gathered to grasp a better understanding and try confirm some hypothesis we had. The purpose of data visualization is to turn raw data into meaningful information and the aim of visually representing a data set is that it allows people to extract meaning from the information and to reason about it. The web browser, given its ubiquitous presence on anyone's computer, is the ideal platform to consume data visualizations shared through the web and javascript has its fair amount of data-viz libraries ( two successful examples are http://raphaeljs.com/ or Processing.js ). One of the most recent and interesting is the subject of this talk: D3 is the successor to a data visualization library called protovis and it brings a novel data centric approach to manipulating data and building graphical representations of it. Data can be declaratively bound to the elements in the page using a very expressive and powerful function chaining method. It is easy to describe what we want our visualization to look like, and how we want it to change in response to changes in the data or events in the interface. This is an example of how to represent a force-directed graph to visualize the appearances of the characters in Victor Hugo's Les Miserables: http://mbostock.github.com/d3/ex/force.html Another example it Conway's game of life implemented in less than 100 lines of javascript code: http://janwillemtulp.com/conway/ During the talk we'll look at the basics concepts of the D3 library building (interactively, with help from the audience!) a few examples of data visualizations that will help us understand how to: * load data and connect it with visual elements * apply transformations to the elements based on data * operate on new data points added or removed * use some of the powerful APIs available
Views: 149 BetterSoftware
Chiaverini -  La transizione verso l'adozione delle metodologie agile e Lean in Dada
 
22:48
La storia dell'introduzione di scrum in azienda partendo dai primi tentativi, passando per la fondazione dell'ETC e i successi dei pilot team. Le difficoltà e gli errori commessi durante il percorso e le prossime sfide da affrontare.
Views: 101 BetterSoftware
Bonmassar - Virtualizzazione e Cloud, un'infrastruttura Pro alla portata di tutti
 
42:38
Ogni business che necessiti di un'infrastruttura web si pone inevitabilmente, prima o poi, la questione: outsourcing o in-house? Una terza via è ormai possibile ed accessibile ad ogni azienda: il Cloud Computing. In questa talk si esploreranno le potenzialità offerte dal Cloud Computing per aziende di ogni dimensione, valutandone vantaggi e svantaggi rispetto alle infrastrutture tradizionali. Si evidenzieranno inoltre gli ulteriori benefici che un'azienda può trarre quando al Cloud Computing vengono affiancate tecniche di virtualizzazione. Economie di scala ma non solo: come un piccolo business può essere pronto ad affrontare il successo - e le sue conseguenze. La talk si articolerà attraverso alcuni casi di successo provenienti dal mondo del Web insieme ad esperienze dirette del relatore.
Views: 38 BetterSoftware
Piana - Cloud Computing: un paradigma nuovo ... anzi antico
 
24:20
Il cloud computing è un paradigma nuovo, anzi antico. Il pendolo si sposta ancora verso il modello guest-host dove il software risiede su server distanti. La novità più rilevante è però il "Software As A Service", in cui ci si affida a un soggetto diverso che mantiene l'infrastruttura, le applicazioni e i dati. Ciò significa meno problemi di amministrazione delle risorse IT, ma maggiori problematiche nella configurazione dei rapporti contrattuali, nella regolamentazione del trattamento dei dati personali, nella sicurezza dei dati, nell'evitare situazioni di lock-in. Anche per lo sviluppatore -- in primo luogo chi sviluppa software libero/open source -- alcune tematiche vanno tenute presenti, incluso il fatto che offrire un servizio è diverso da distribuire software e pone tematiche di licensing probabilmente più complesse. L'intervento offre una panoramica sulle principali tematiche di natura legale da tener presenti da parte di sviluppatori, fornitori e clienti, per compiere scelte appropriate e informate.
Views: 23 BetterSoftware
Thomas Alisi - Analisi Semantica di Video
 
50:58
Per il progetto europeo VidiVideo, nel quale il centro di ricerca MICC è coinvolto, è stato realizzato un sistema di annotazione video semantico. Le tecnologie in campo sono Flash, FLEX, php per la gestione delle annotazioni, Java EE e OWL con Jena per la gestione delle ontologie, Flash Media Server per lo streaming del contenuto. Il sistema consente di creare le proprie ontologie, inserire le annotazioni ed effettuare ricerche complesse e costituite da una struttura di significati complessa.
Views: 62 BetterSoftware
Collini - Sviluppo e marketing di applicazioni Android
 
38:46
Grazie all'Android Market anche uno sviluppatore o un piccolo team può arrivare a distribuire una applicazione a due milioni di utenti (il numero non è casuale!). Nel talk vedremo vari aspetti legati allo sviluppo e soprattutto alla distribuzione di una applicazione mobile partendo dalla mia esperienza su Android. Da Agosto 2009 sviluppo sul sistema operativo Android: quella che era solo una mia passione personale è diventata piano piano un progetto a tutto tondo. Attualmente ho due applicazioni a disposizione nell'Android Market: Apps Organizer e Folder Organizer. La versione full di Folder Organizer è nelle prime posizioni fra le applicazioni a pagamento nel market italiano. Partendo da statistiche, considerazioni su successi ed errori commessi derivate dalla mia esperienza vedremo come sviluppare una applicazione per tutti i dispositivi Android (tablet compresi) e come sfruttare al meglio i vari canali di distribuzione pur non avendo un ufficio marketing.
Views: 44 BetterSoftware